Forse non tutti conoscono l’origine del “Golfo dei Poeti”

Il Golfo dei poeti è l’immagine di La Spezia

All’estremità orientale di quella lingua di terra che è racchiusa tra il mar mediterraneo e le montagne e che prende il nome di Liguria, si trova la città di La Spezia.

Essa è situata al centro di un Golfo naturale che la porta a diventare uno dei maggiori porti commerciali del nord Italia.

Alle estremità di questa insenatura naturale si trovano, quasi a voler far da vedetta, i due borghi marinari ed estremamente affascinanti di Lerici e Porto Venere, borghi conosciuti in tutto il mondo per la loro tipicità e bellezza.

Il Golfo prende il nome dalla città di La Spezia, città dedita agli scambi marittimi già in antichità e che mantiene il suo carattere commerciale con il moderno porto adibito alla movimentazione container e con l’ Arsenale della Marina Militare.

Ma il nome più comune per definire questa insenatura è Golfo dei poeti.

Ma da dove viene questo “riconoscimento”?

La locuzione “Golfo dei poeti” prende origine nel 1910 e precisamente il 30 agosto dello stesso anno, quando il commediografo Sem Benelli, durante l’orazione funebre in onore di Paolo Mantegazza, proferì le seguenti parole: “Beato te, o Poeta della scienza che riposi in pace nel Golfo dei Poeti. Beati voi, abitatori di questo Golfo, che avete trovato un uomo che accoglierà degnamente le ombre dei grandi visitatori”..

Tale denominazione deriva soprattutto dal fatto che nel corso dei secoli molti tra poeti, scrittori ed artisti hanno trascorso periodi di residenza, o si sono stabiliti definitivamente, nei borghi del golfo, folgorati dalla bellezza di questo “anfiteatro d’acqua”.

Diversi poeti, scrittori ed artisti decisero di dedicare opere a questa terra unica, da Dante a Shelley solo per citarne due.

Ma i nomi illustri del mondo dell’arte che hanno frequentato le località del Golfo sono veramente numerosi.

grotta di Byron a Portovenere

grotta di Byron a Portovenere

Famosa è la casa di Shelley a San Terenzo, come famosa e suggestiva è la Grotta Byron a Portovenere.

Per venire ai giorni nostri il famoso giornalista Indro Montanelli era solito passar le proprie ferie nel borgo di Montemarcello, mentre Mario Soldati (regista) aveva la propria residenza a Tellaro.

Terra schiva e diffidente, ma al contempo protettiva e affascinante, la Liguria e specialmente La Spezia e provincia sono ancor oggi scelte, da personaggi della cultura, quale oasi di pace dove per raccoglier le proprie energie e trarre ispirazione.

Una terra che ispira, una terra che rinvigorisce, una terra che sa amare chi la ama, questa è la Liguria, questa è La Spezia.

About

ti potrebbe interessare anche...

Rispondi