La Val di Magra, un territorio tutto da scoprire.

La Val di Magra un lembo di terra con una storia antichissima. Abitata dai Liguri, o meglio dai Liguri apuani, fin dall’antichità, poi colonizzata dai Celti e successivamente romanizzata. Vestigia di tutto questo, le possiamo trovare nei toponimi che presentano le radici di matrice sicuramente ligure, come i tipici suffissi “-asca” o “-asco”, che sono una desinenza usata per indicare un villaggio, per quanto riguarda i Liguri; romane per quanto riguarda l’odierna zona archeologica di LUNI, su cui troneggia il grande anfiteatro. 

Qui il turismo ha sempre cercato di emergere oscurato come è sempre stato dalle Cinque terre, facendo l’occhiolino a Lerici e a tutto il suo territorio. Ultimamente sono sorti diversi comprensori turistici con case vacanza attrezzate ad ospitare ogni tipo di turismo.

La Val di Magra sostanzialmente si estende tra le province di La Spezia e di Massa e Carrara, incunenadosi tra loro, dove il fiume Magra confluisce nel Mar Ligure, a poca distanza dal Golfo dei Poeti e che definisce il cuore dell’antica regione della Lunigiana.

Caratterizzata da una ricchezza di paesaggi, che inizia con la costa, con il suo litorale sabbioso, e prosegue verso l’interno attraverso i colli di Luni, sulle cui sommità svettano antichi castelli e borghi arroccati, fino ai grandi contrafforti dell’Appennino Tosco-Emiliano e ai margini delle creste rocciose delle Alpi Apuane.

La Val di Magra rappresenta una delle quattro partizioni in cui è possibile suddividere la Provincia della Spezia, insieme alla Riviera spezzina con le Cinque Terre, al Golfo dei Poeti e alla Val di Vara, oltre ad essere sotto la tutela dell’Autorità di Bacino del fiume Magra e del Parco naturale regionale di Montemarcello-Magra

 

Ameglia

Il comune di Ameglia, nella Val di Magra, ha un’origine antichissima così come testimoniato dal ritrovamento di una necropoli nei suoi pressi. Anche in questo piccolo borgo, come a Lerici, possiamo trovare un Castello risalente al 1174, che si erge alto e che subito identifica il borgo di Ameglia fin dalla strada che sale dalla valle.

Un piccolo labirinto fra case appena dipinte e case abbandonate, strade strette e senza sfondo, scorci sulla vallata circostante e poche persone.

Montemarcello

Nel comune di Ameglia, salendo per la collina, si trova la frazione di Montemarcello, anche questo riconosciuto come uno dei borghi più belli d’Italia. Così carino da sembrare finto, lungo la strada principale all’esterno del borgo potete già rifarvi gli occhi con il panorama del mare sottostante.

All’interno del borgo della Val di Magra non possiamo che rimanere subito colpiti dalla Chiesa di San Pietro, soprattutto dal suo imponente campanile e dal suo colore rosa brillante. Poco più in là si apre la colorata piazza principale del borgo con il suo bellissimo belvedere. C’è poco da fare in questo piccolo borgo ligure se non perdersi tra le sue stradine e lasciarsi rapire dai suoi colori, dalle finestrelle decorate di fiori, sedersi ad un bar ed assaggiare qualche specialità ligure.

Per i più allenati è possibile scendere fino alla spiaggia di Punta Corvo.

About

ti potrebbe interessare anche...

One thought on “La Val di Magra, un territorio tutto da scoprire.

Rispondi